Una Coppa Italia, due scudetti, una Supercoppa, 2 Champions League, una Supercoppa Europea, e una Coppa del Mondo per club. E’ questo il palmares conquistato da Andrea Pirlo con la maglia del Milan. Un bottino di trofei che sembra essere stato però dimenticato dai tifosi rossoneri che non hanno gradito le ultime parole del centrocampista campione del mondo. Quest’ultimo infatti è intervenuto sugli episodi che hanno fatto infuriare la squadra di Montella e la propria tifoseria nell’ultimo incandescente match di campionato contro la Juventus, ovvero il rigore concesso ai bianconeri al 95’ per un discusso fallo di mano di De Sciglio. “Rigori così si danno e non si danno, l’ha dato, ci stava. De Sciglio l'ha presa con la mano. E comunque è a discrezione dell’arbitro”, queste le parole di Pirlo che ha difeso e promosso il direttore di gara Massa, scatenando la reazione del popolo milanista.

Secondo quanto riportato da “Il Giornale”, i tifosi della squadra meneghina che, non hanno mai digerito fino in fondo il trasferimento di Pirlo alla Juventus dopo la conclusione della sua avventura milanese, hanno chiesto alla società di rimuovere il nome dell’attuale centrocampista del New York City dalla Hall of Fame presente sul sito ufficiale del Milan. Un provvedimento legato anche alle dichiarazioni di Pirlo alla vigilia dell'ultima edizione della Supercoppa italiana, quando nelle vesti di doppio ex dichiarò di tifare per la Juventus. Ora il suo nome, a giudizio dei sostenitori del "Diavolo" dovrebbe sparire dalla lista dei calciatori più forti della storia, presente sul sito ufficiale del club. Un elenco di vere e proprie leggende, come Paolo e Cesare Maldini, Nordhal, Altafini, Gianni Rivera, Franco Baresi, Gullit, Rijkaard, Van Basten, e campioni del più recente passato come Shevchenko, Kakà e tanti altri.