Tanti nomi eccellenti nel flop 11 della 27a giornata di serie A. Uno su tutti: il recordman nella storia della serie A per reti realizzate nella scorsa stagione, Gonzalo Higuain. Lo juventino ha vissuto una giornata decisamente poco positiva contro l'Udinese, non riuscendo mai a rendersi pericoloso e tanto meno decisivo per i suoi, costretti al pari dopo 38 gare senza il segno X sulla ruota di Allegri. Per l'argentino 5 in pagella, un caso più unico che raro. Ma non è il solo nome altisonante della formazione dei "cattivi" dell'ultimo weekend.

Non sono da meno i romanisti Fazio (4.5) e Manolas (5): il primo ha sulla coscienza entrambi i gol di Mertens, sui quali ha sbagliato posizionamento lasciando il via libera all'inserimento del belga; il secondo ha mostrato grossi limiti in fase di impostazione, "ballando" spesso al cospetto del pressing avversario. Completa il gruppo dei romanisti anche Juan Jesus (5), poco efficace sugli esterni, meglio da centrale nella retroguardia a tre vista contro l'Inter. Guardando agli altri reparti, il fiorentino Borja Valero (5) è apparso un po' in ombra nella gara con il Cagliari, con lui a centrocampo anche il sassolese Missiroli (5) e il cagliaritano Isla (5), con quest'ultimo letteralmente sovrastato dagli esterni nerazzurri.

Flop 11 della 27a giornata – modulo 4-4-2 Posavec 4.5, Fazio 4.5, Pisacane 4.5, Manolas 5, Juan Jesus 5, Isla 4.5, Borja Valero 5, Missiroli 5, Higuain 5, Berardi 5, Caprari 5. Panchina: Gabriel 4.5, Biraghi 5, Costa 5, Verre 5, Duncan 5, Maccarone 5, Boyè 5.

In porta, giornataccia per il palermitano Posavec (4.5), che ha sulla coscienza primo e terzo gol di Belotti a causa di due uscite sciagurate. La difesa è completata dall'altro cagliaritano Pisacane (4.5), mentre in attacco con Higuain anche l'altro neroverde Berardi (5), poco propositivo contro il Crotone, e il pescarese Caprari (5), per il quale sembra già finito l'effetto Zeman.