La Juventus ha consegnato a Paulo Dybala la maglia numero 10, una delle più affascinanti e al tempo stesso pesanti del calcio. A Torino l'ha indossata Michele ‘le roi' Platini e poi ancora ‘codino' Baggio oppure icone della tradizione bianconera quali Sivori e Alessandro Del Piero. Adesso è sulle spalle della Joya, a testimonianza di quanto i bianconeri considerino al centro del progetto l'argentino.

Una Joya da 10, respinto l'assalto del Barça.

Le voci di un possibile trasferimento a Barcellona sono state spente sul nascere, la liquidità generata dalla cessione forzosa (il pagamento della clausola di 222 milioni da parte del Paris Saint-Germain) non indurrà in tentazione l'ex rosanero. Messi, almeno per adesso, resterà ancora un avversario da affrontare e battere sul campo. Non c'è pericolo – per la ‘vecchia signora' – che i due (Paulo e Lionel) siano compagni anche in una squadra di club oltre che in nazionale.

in foto: Dybala posa con la maglia numero dieci della Juventus

La numero 21 da indossare solo in nazionale.

E se non vi basta ancora il particolare della ‘maglia numero dieci' allora a sostegno ci sono anche le parole dello stesso Dybala che ha affidato a un messaggio postato su Instagram la soddisfazione e l'orgoglio, la consapevolezza della grande responsabilità che genera avere addosso quella casacca appartenuta ai grandi della Juventus e del calcio internazionale. La numero 21 – quella che fu di Zidane e Pirlo – farà parte della collezione personale.

Quando mi hanno chiesto di cambiare il mio numero di maglia mi sono fermato a pensare se fosse giusto lasciare il 21 che è stato per me – e ancora lo sarà in Nazionale – un numero a cui tengo tanto, che mi ha fatto alzare tanti trofei, che è appartenuto a top player come Zidane e Pirlo. Ma la numero 10 è una maglia speciale, è un onore indossarla, porta con sé un senso di responsabilità grande, un senso di appartenenza alla storia di un club come la Juventus Fc.

Onore e onere nel segno dei campioni bianconeri.

E' stata sulle spalle di tantissimi campioni bianconeri: Omar Sivori, Michel Platini, Roberto Baggio, Alessandro Del Piero, Carlos Tevez, Paul Pogba. Per questo per me oggi – si legge nel messaggio della Joya – avere la maglia numero 10 addosso, sulla mia pelle, non solo è un sogno che si realizza, sin da quando ero bambino, ma è anche un impegno sempre più grande che sento dentro di me a portare la mia squadra alla vittoria in ogni partita, in ogni competizione, per ogni trofeo.

A post shared by Paulo Dybala (@paulodybala) on