Se due centravanti formidabili come Careca e il ‘Fenomeno’ Ronaldo si sono sbilanciati tanto e hanno detto che Gabriel Jesus avrà una carriera stellare un motivo c’è. Questo diciannovenne in questa stagione, che è ancora a metà, sta dando fede a questi attestati. Perché dopo aver vinto l’oro olimpico, dopo aver conquistato il titolo con il Palmeiras e dopo aver realizzato 5 gol in 6 partite con la Seleçao si è presentato in modo splendido con il Manchester City. Gabriel Jesus dopo aver giocato una decina di minuti contro il Tottenham, ha fatto gol contro il West Ham e oggi con una doppietta ha steso lo Swansea e ha fatto felice Guardiola che per farlo giocare dall’inizio ha lasciato fuori Aguero.

Rivoluzione – Pep Guardiola alcune scelte forse le ha fatte troppo tardi. L’allenatore catalano in questo mese di febbraio ha fatto un vero e proprio repulisti. Anche con lo Swansea titolare è il portiere Caballero, fuori il deludente Bravo. In avanti incredibile ma vero il City fa a meno del ‘Kun’. Il tridente è formato da tre ragazzi che hanno più o meno vent’anni a testa: Sterling, Sané e Gabriel Jesus. Questo nuovo attacco, sospinto anche da De Bruyne e David Silva, dopo 11’ produce l’1-0, che firma l’attaccante brasiliano che si ripete dopo il battesimo del gol inglese contro il West Ham.

Doppietta – Lo Swansea, al di là della pessima posizione di classifica, è una squadra difficile da affrontare, perché dopo il cambio d’allenatore ha cambiato marcia. Paul Clement, ex vice di Ancelotti, con grande bravura gestisce la sua squadra che dopo aver difeso la sconfitta nella ripresa si mette ad attaccare e trova il pareggio con l’islandese Sigurdsson all’89’. Sembrava a quel punto l’ennesima beffa per Guardiola, ma al 92’ Fabianski non è preciso, Gabriel Jesus si avventa sul pallone e non sbaglia. Il City vince 2-1 scavalca l’Arsenal e il Liverpool e sale al terzo posto. Il nuovo fenomeno brasiliano, che potrebbe far sloggiare Aguero, fa diventare perfetta la sua media: 3 gol in 3 partite di Premier.