Calpestato come uno zerbino. A Gonzalo Higuain è capitato anche questo nella sfida di ritorno con il Monaco. A Torino il passato granata di Glik ha fatto sì che il difensore polacco vedesse rosso… accecato abbastanza da ‘non accorgersi' che l'argentino era lì, a terra, davanti a lui ed è atterrato sulla sua gamba. Un gesto involontario, per nulla malizioso, causato dalla dinamica del movimento e dell'azione non dalla cattiveria: così s'è giustificato l'ex centrale del Toro dopo quella scarpata rifilata al Pipita nel finale rovente dello JStadium.

Il gol e la legge dell'ex. Khedira e Higuain, due ‘vecchie conoscenze' del Real Madrid. Sia l'uno sia l'altro proveranno a far gol ai blancos, mettendo una rete sopra all'avventura conclusa da entrambi con pochi sorrisi. Ad attendere l'attaccante al varco d'area di rigore ci sarà Sergio Ramos, uno dei più forti difensori al mondo sia per il modo d'interpretare il proprio ruolo di centrale sia per la capacità di ‘far male' anche in zona gol. Il Pipita è avvertito…

Sono orgoglioso della mia squadra perché ha dimostrato personalità – ha ammesso Ramos subito dopo la sconfitta indolore del ‘Vicente Calderon' – e soprattutto ancora fame di vittorie. Siamo in finale per la terza volta negli ultimi quattro anni, è qualcosa di incredibile che ricorderanno i nostri nipoti. Quella con la Juventus sarà una partita bellissima, uno spettacolo per chi ama il calcio. Higuain? Con lui ho un ottimo rapporto da anni, ma non ho intenzione di regalargli neanche noccioline in finale. In campo saranno scintille.

Dalla Liga alla Champions. La Juventus ha lo scudetto cucito sulla maglia, il Real Madrid ha il fiato sul collo del Barcellona. Entrambe, però, sono al top nei rispettivi campionati nonostante il Barcellona. Chiedete pure ai blaugrana cosa significhi sbattere il muso contro il muro bianconero, quella BBC che ha fatto sì da portare la squadra in finale da imbattuta e con 3 reti incassate in tutta la competizione: Tolisso e Pareja nella fase a gironi, Mbappé nel ritorno della semifinale a Torino gli unici ad aver costretto Buffon a chinarsi per raccogliere la palla in fondo al sacco.

Difesa, Dybala, il Pipita… la Juve è una squadra forte – ha aggiunto Ramos – che sta attraversando un ottimo periodo. In Champions League abbiamo eliminato molte squadre competitive ma prima della finale contro di loro dovremo puntare tutta l'attenzione sulla Liga.