Hanno fatto come il Napoli in semifinale di Coppa Italia. Il Barcellona ‘dimentica' di restituire palla alla Juventus, pecca in fairplay e finisce nel mirino della Rete per quel gesto che mal si addice a una grande società. Anche questo episodio è la misura dell'ansia dei bluagrana alimentata dalla consapevolezze di trovarsi di fronte a un avversario letale all'andata e impenetrabile pure dinanzi ai centomila del Camp Nou, laddove in molti erano caduti sotto i colpi di Messi e del tridentazo.

in foto: L'applauso ironico del presidente Agnelli

L'applauso ironico di Agnelli dalla Tribuna.

Il presidente della Juventus, Agnelli, applaude ironico dalla tribuna. In campo Allegri e Luis Enrique si scambiano occhiatacce con lo spagnolo che urla qualcosa in italiano allo juventino. Tensione alle stelle in casa catalana, calma in quella bianconera grazie all'esperienza internazionale di calciatori del calibro di Khedira (in odore di Clasico), Dani Alves e all'affiatamento della BBC (Bonucci, Barcagli, Chiellini) che giganteggiano davanti a Buffon.

Il gesto di mancato fairplay.

Sono 531 i minuti senza prendere gol in Champions, dato inequivocabile che sovrasta ogni cosa… anche il tentativo di qualche blaugrana (Neymar, poi uscito in lacrime) di metterla sullo scontro fisico oppure ricorrere a trucchetti per deconcentrare l'avversario. Uno di questi, quello contestato, capita al 42° del primo tempo, quando la squadra di Luis Enrique ha continuato l’azione nonostante Mandzukic fosse rimasto a terra infortunato dopo un contatto con Sergi Roberto. Dybala aveva messo palla in fallo laterale per consentire i soccorsi, al momento della rimessa, però, il Barcellona ha fatto di testa sua…"Hanno fatto proprio come il Napoli, che fine ha fatto il fair play?", è stata la domanda ironica e ricorrente sul Web.