Finalmente la Champions League. Non c'è torneo più amato e seguito al mondo della massima competizione calcistica europea: i gironi, le gare ad eliminazione diretta e le finali sono un scarica di adrenalina per tutti quanti amano e seguono il calcio.

La più importante competizione Uefa parte con calciatori che ormai sono dei veri e propri simboli della fase a gironi ma ci sono altri record  che vanno ricordati per capire cosa rappresenta questo torneo per chi lo gioca e per chi ogni martedì e mercoledì corre allo stadio o si ferma davanti al televisore.

Casillas e Messi, i recordman dei gironi.

Due calciatori su tutti hanno segnato la fase a gironi della Champions League: si tratta di Iker Casillas e Lionel Messi. Il portier del Porto, ex Real Madrid, detiene il record di presenze nella fase a gironi con 87 apparizioni tra il club portoghese e quello madrileno che è il calciatore in attività con più edizioni giocate, ben 19.

La Pulce, dal canto suo, è il calciatore che ha realizzato più reti nelle 6 gare che aprono la competizione ed il detentore della miglior media realizzativa con 1,00 goal a partita (57 in 57 partite della fase a gironi).

Totti e Ballotta nella storia della Champions.

Quando si vanno ad esaminare le rose che intraprenderanno la più importante competizione calcistica europea l'occhio cade spesso l'anagrafe dei calciatori. Abbiamo due italiani tra i recordman: Marco Ballotta e Francesco Totti. L'ex portiere è il calciatore più anziano ad aver partecipato ad una fase a gironi con i suoi 43 anni 253 giorni (Real Madrid 3-1 Lazio, 11 dicembre 2007) mentre l'ex capitano della Roma è il giocatore con l'età più elevato ad aver realizzato una rete: nella sfida contro il CSKA Mosca Totti batte Akinfeev all'età di 38 anni 59 giorni (CSKA Moskva-Roma 1-1, 25 novembre 2014).

Il più giovane a fare il suo esordio in Champions League è Celestine Babayaro,  16 anni 87 giorni, in Anderlecht-Steaua Bucureşt finita 1-1 il 23 novembre 1994 mentre il calciatore più giovane ad andare in rete Peter Ofori-Quaye: in Rosenborg 5-1 Olympiacos, ottobre 1997, l'ex calciatore ghanese aveva 17 anni 195 giorni.

Club con più presenze: Barça, Real Madrid, Porto.

Le squadre con più edizioni giocate sono il Barcellona, il Real Madrid ed il Porto con 22 partecipazioni. Quelle che hanno totalizzato più punti complessivi (18) sono il Milan (1992/93), Paris Saint-Germain (1994/95), Spartak Moskva (1995/96), Barcellona (2002/03) e Real Madrid (2011/12 e 2014/15) mentre quelle che si sono messe in risalto per l'esatto contrario (0) sono la Dinamo Zagabria e il Club Brugge (2016/17).

Partite con più goal: ci sono Juve e Roma.

La gara con più gol segnati in una partita della fase a gironi è quella tra Borussia Dortmund-Legia Varsavia 8-4 (22 novembre 2016) mentre la medaglia d'oro della vittoria più ampia è divisa equamente tra Liverpool e Real Madrid: i Red hanno battuto per 8-0 il Beşiktaş (6 novembre 2007) mentre i Blancos, con lo stesso risultato, hanno asfaltato il Malmö (8 dicembre 2015).

Per quanto riguarda i pareggi con più goal abbiamo due italiane a contendersi questo primato: sia la Juventus che la Roma hanno pareggiato per 4-4 durante i gironi della Champions: i bianconeri contro l'Amburgo nel settembre 2000 e i giallorossi a Leverkusen il 20 ottobre 2015.

Le gare delle italiane.

Barcellona-Juventus.

Il Barcellona ha vinto solo una delle ultime sei sfide ufficiali giocate contro la Juventus e si tratta della  nella finale della Champions League 2015.

Roma-Atletico Madrid.

L’Atletico di Diego Simeone è imbattuto contro squadre italiane in Champions: il bilancio dei colchoneros contro i nostri club è di tre vittorie e un pareggio.

Shakhtar Donetsk-Napoli.

La squadra ucraina ha perso quattro delle sei gare giocate in casa contro club italiani in Champions League (due vittorie nelle altre due, entrambe contro la Roma).