Le ultimissime notizie di calciomercato del Cagliari s'intrecciano con quelle del Napoli. La news in tempo reale è l'ingaggio di Leonardo Pavoletti, attaccante dei partenopei. E' la unta che alla formazione sarda mancava dopo l'addio di Marco Borriello che ha scelto la Spal (in gol al debutto in campionato e vittoria degli estensi) per proseguire la propria avventura in Serie A.

Acquisto a titolo definitivo per 10 milioni e bonus.

Il tecnico dei rossoblù, Rastelli, viene così accontentato dal presidente, Giulini, che ha formalizzato l'acquisto a titolo definitivo dell'ex calciatore del Genoa per una somma di 10 milioni di euro più 2 di bonus (4 milioni verranno anticipati subito).

Minusvalenza per gli azzurri, a gennaio 2017 costò 18 milioni.

Si tratta dell'affare più costoso nella storia del club mentre per il Napoli è una minus-valenza di mercato rispetto ai 18 milioni investiti nella scorsa sessione invernale per portarlo in azzurro.

Contratto di 5 anni, stipendio da 1 milione netto a stagione.

Pavoletti, 28 anni, alto 188 cm, punta centrale che calcia di destro, ha firmato un contratto di 5 anni con un ingaggio di 1 milione netto a stagione (oltre ai bonus per dire sì alla trattativa coi sardi), uno stipendio di poco inferiore rispetto a quanto guadagnava a Napoli (2 milioni circa).

Chiuso dall'esplosione di Mertens e da Milik.

L'ex attaccante del Genoa era arrivato a Napoli a gennaio 2017, gli azzurri lo scelsero quale rinforzo necessario per colmare l'assenza di Milik (infortunatosi al ginocchio in nazionale, rientrò solo a fine marzo in campo) ma Pavoletti mai è riuscito a ritagliarsi una spazio importante nella squadra di Sarri. A penalizzarlo, oltre all'arrivo in corsa, anche la contestuale esplosione di Mertens, il ‘falso nove' – che il tecnico aveva schierato quale soluzione di emergenza – divenuto bomber principe degli azzurri e perfetto per quel ruolo nel tridente con Insigne e Callejon.

Solo 10 presenze nella squadra di Sarri.

Una decina le presenze di Pavoletti nel Napoli (6 in campionato, 4 in Coppa Italia) e nessun gol all'attivo. In precedenza aveva vestito la maglia del Genoa per 10 volte e con migliore fortuna (4 gol, 3 in Serie A 1 in Tim Cup). La stagione 2015/2016 lo pose anche all'attenzione della Nazionale (15 gol in 26 presenze tra le fila del Grifone) ed è in questa ottica che il calciatore ha accettato il trasferimento in Sardegna nell'anno che conduce al Mondiale di Russia 2018.