Ancora pochi giorni e la Sampdoria di Marco Giampaolo scenderà in campo al "Ferraris", per la prima giornata di campionato contro la neopromossa Benevento. Il tecnico della Sampdoria, ad oggi, non sa però a chi verrà affidata la maglia che fino alla stagione scorsa è stata sulle spalle di Schick. Con l'attaccante ceco in uscita, il club di Massimo Ferrero sta dunque cercando una valida alternativa per il proprio reparto offensivo. Tra i nomi che sono circolai nelle ultime ore, ci sarebbe anche quello del colombiano Carlos Bacca.

Il contratto di Bacca.

Messo ormai fuori squadra da Vincenzo Montella, l'ex attaccante del Siviglia sta cercando una sistemazione per la prossima stagione che è ormai alle porte. Il 30enne di Barranquilla, che ha un contratto con il Milan fino al 2020 e un ingaggio di 3,5 milioni di euro a stagione, è nel mirino del Marsiglia di Rudi Garcia e dello stesso club andaluso con il quale ha già giocato e vinto. Seguito dall'agente Sergio Barila e dopo aver scartato l'ipotesi di un suo trasferimento in Cina, Bacca sarebbe così finito nel mirino della Sampdoria.

Il problema dell'ingaggio.

Come riportato dalla "Gazzetta dello Sport'", il nome del numero 70 milanista sarebbe finito in cima alla lista dei desideri del direttore sportivo Osti e del responsabile dell’Area Tecnica Pradè. La strada che porta al colombiano, è però in salita ed è difficile da percorrere proprio per il costo del cartellino e per l'ingaggio del nazionale "cafeteros". Dovesse arrivare un'intesa tra le due società, con il Milan che potrebbe eventualmente aiutare la Samp per la gestione economica dell'ingaggio, Bacca rimarrebbe a giocare in Italia e accantonerebbe definitivamente l'idea di tornare in Europa.

Zapata e Vietto le alternative.

Le alternative a Carlos Bacca, sono già state individuate dalla dirigenza doriana. Tra i nomi cerchiati in rosso, ci sono quelli di Duvan Zapata (in uscita dal Napoli e accostato al Torino) e di Luciano Vietto: stellina dell'Atletico Madrid, anch'egli ai margini del progetto tecnico del "Cholo" Simeone. Per il colombiano servono almeno 25 milioni di euro, mentre per l'argentino con passaporto italiano si sta pensando ad un'offerta intorno ai 12/13 milioni di euro. L'ultimo suggestivo nome è quello di Eder, ma pare davvero difficile pensare ad un ritorno dell'oriundo in maglia blucerchiati.