L'affare praticamente concluso per Mario Rui, potrebbe non essere l'ultimo per il calciomercato del Napoli. E' Aurelio De Laurentiis a scatenare la curiosità di tifosi e addetti ai lavori grazie alla sua ultima intervista concessa ai microfoni de "Il Corriere dello Sport". Il presidente azzurro alla sua maniera ha fatto il punto sul mercato del Napoli, partendo proprio dagli ultimi affari che potrebbero essere il preludio ad una mossa a sorpresa.

Un "mister X per il Napoli"

Non è da escludere infatti che il Napoli possa acquistare un "Mister X", ovvero un profilo che finora non è finito nel calderone dei possibili obiettivi di mercato della società del capoluogo partenopeo. Le parole di De La sono emblematiche: "Mario Rui e Berenguer? Il primo dei due ha accettato di venire al Napoli e sarà dei nostri. Ma potrebbe esserci anche un mister X, qualcuno che a voi giornalisti è sfuggito". Esiste dunque un nome nuovo per il mercato del Napoli o è solo una mossa per depistare gli addetti ai lavori? Lo capiremo nei prossimi giorni.

"Chiesa mi piace, lo preferisco a Berardi"

E' forte invece e non è un mistero l'interesse del Napoli per i profili più giovani e talentuosi del palcoscenico calcistico italiano. Stuzzicato sul possibile affondo per Berardi, De Laurentiis ha dimostrato di preferire un altro ragazzo che si è messo in mostra nell'ultima stagione ovvero Federico Chiesa della Fiorentina: "Chiesa mi piace, piace a Giuntoli ed è un giocatore di grandissima prospettiva. Lo preferisco a Berardi, pur riconoscendo all'attaccante del Sassuolo un talento enorme".

Il caso Reina e il futuro del Napoli.

Non può mancare una battuta sul futuro di Reina, con il presidente che getta acqua sul fuoco: "Reina? E'  un finto problema. Pepe è coperto dal contratto". In conclusione una battuta sul futuro degli azzurri che a suo giudizio è roseo sulla scia di quanto fatto nella scorsa annata: "Mi auguro che possa avere quella continuità di risultati che l'anno scorso, nella fase iniziale, ci è mancata. Però abbiamo pagato un prezzo elevato per l'infortunio di Milik: è stato bravissimo Sarri, in quel vuoto che si è creato, a comprendere le difficoltà di Gabbiadini e ad inventarsi Mertens centravanti. Abbiamo confermato l'intero organico e abbiamo anche prolungato i contratti di giocatori che garantiscono un ciclo lungo. Penso che questo Napoli abbia già dimostrato di essere superiore all'altro, a quello di due campionati fa. Lo dicono i primati, i punti e i gol della stagione che si è appena conclusa. E però stavolta cominciamo con una sperimentazione già effettuata e ora ripartiamo con una squadra giovanissima e nella quale si inseriranno sempre meglio i vari Rog, Zielinski, Diawara, ma anche Ounas che è appena arrivato".