Una valanga di partite: un'alluvione vera e propria quella che si manifesterà tra venerdì 10 e domenica 19 febbraio. Trentuno partite in dieci giorni, una full-immersion senza eguali che terrà inchiodati davanti agli schermi l'intera Italia calcistica. Serie A, Champions ed Europa League: tra la massima serie ed i due maggiori tornei continentali, ci sarà solo l'imbarazzo della scelta.

Serie A, si parte con uno spezzatino dal venerdì al lunedì.

Si parte, dunque, di venerdì sera: la ventiquattresima giornata inizierà con Napoli-Genoa come Friday Night e si chiuderà direttamante lunedì sera con il posticipo del Monday Night tra Lazio e Milan. Nel mezzo, Fiorentina-Udinese al sabato e sette gare alla domenica, di cui una alle 12.30, quattro alle 15, una alle 18 ed un'altra alle 20.45 a chiusura della domenica. Quattro giorni no-stop di campionato dal venerdì al lunedì. E da martedì si ricomincia con il ritorno della Champions League.

Champions ed Europa League, apre ancora il Napoli.

Martedì due sfide di cartello: Benfica-Borussia Dortmund e Barcellona-Paris Saint-Germain (in chiaro su Mediaset). Al mercoledì, ancora al Napoli spetta "l'onore" di aprire le sfide delle italiane, andando di scena al Santiago Bernabeu contro il Real Madrid (in contemporanea c'è Bayern Monaco-Arsenal). Giovedì tocca all'Europa League, con Roma e Fiorentina impegnate in trasferta rispettivamente al Madrigal contro il Villarreal (match in chiaro su MTV8) ed al Borussia-Park contro il Borussia Mönchengladbach. Niente pauese: al venerdì è di nuovo campionato con Juventus-Palermo. Sabato si prosegue con due anticipi (18 e 20.45), quindi alla domenica solito match delle 12.30, altri quattro alle 15, quindi posticipi alle 18 ed ancora alle 20.45. Lunedì si riposa: incredibile ma vero. Dopo dieci giorni full-immersion, una giornata intera senza gare di squadre italiane o di coppe europee. Ma da martedì si ricomincia: il 22 c'è già Porto-Juventus.