Oggi è uno dei capisaldi del Barcellona che si appresta a sfidare il mondo per ritornare protagonista in Champions League e il rivale di sempre in patria, il Real Madrid, per riprendersi la Liga. Insieme a Suarez e Messi forma il tridente più forte e completo di sempre, tra i più forti e spettacolari, il ‘tridentazo' invidiato da tutti. Eppure, Neymar avrebbe potuto vestire un'altra maglia non dai colori ‘azulgrana' ma bianca. Quella dell'odiato Real Madrid.

Poteva andare al Real Madrid – E' ciò che ha reso noto in questa torrida estate l'ex agente della stella brasiliana visto che nel 2013 il giocatore che stava sbarcando in Europa per la prima volta, prese la decisione più importante della sua carriera che gli cambiò la vita personale e professionale. Allora il giovanissimo Neymar era la stella del Santos , in procinto di approdare nel calcio europeo in un top club. Ci fu un testa a testa in Spagna, alla fine la spuntò il Barcellona , anche se l'asso brasiliano sarebbe potuto finire proprio agli acerrimi rivali del Real Madrid che sfidarono i catalani per l'acquisto.

L'offerta del Barça direttamente a papà Neymar – Intervenuto ai microfoni di ‘UOL Esporte', l'ex agente di Neymar, Wagner Ribeiro , ha conferato il tutto e ha rivelato un retroscena sul suo ex assistito fino ad oggi inedito. Non c'era solamente il duo spagnolo a contendersi il ‘nuovo Pelè'. In fila c'era anche il Chelsea di Abramovich che proprio in quell'anno formulò la propria offerta economica, insieme ai Blancos. Ma Neymar finì al Barcellona e Ribeiro ha svelato il perché: "All'epoca di quelle trattative reali e segrete inviai anche le offerte di Chelsea e Real Madrid al Santos. Che le valutò. Quella del Barcellona, invece, arrivò direttamente al padre che decise per i catalani. Io volevo però che andasse al Real, l'ho sempre detto".