Mangia sei volte al giorno e indossa una muschera particolare per migliorare l'ossigenazione durante lo sforzo e gli allenamenti. E' così che Gareth Bale si prepara al grande rientro in previsione della finale di Champions contro la Juventus. Il gallese è in fase di riabilitazione, l'obiettivo è essere in campo nella ‘sua' Cardiff il prossimo 3 giugno, quando al ‘Millennium Stadium' il Real Madrid sfiderà i bianconeri per il Trofeo.

Conto alla rovescia per il rientro a Cardiff.

Venti giorni: il conto alla rovescia per il recupero è scandito dalla tabella personalizzata per rimettere in sesto il calciatore e consegnarlo a Zidane pronto, in forma, tirato a lucido per ricomporre quella BBC (con Benzema e Cristiano Ronaldo) che ha un potenziale tecnico fortissimo e un valore economico inestimabile. Insieme arrivano a sfiorare una valutazione da 300 milioni.

La maschera speciale.

Bale come Hannibal oppure come Bane, l'unico nemico che ha rischiato di uccidere Batman. La maschera mostrata Instagram dall'ex Tottenham è la stessa utilizzata dal pugile Anthony Joshua per agevolare la resistenza polmonare e la capacità di recupero.

La dieta calibrata da 6 pasti al giorno.

Non è l'unico dettaglio che fa parte del percorso terapico seguito dal calciatore: è il tabloid ‘Mirror' a rivelare anche quale sia il regime alimentare seguito da Bale: una dieta che prevede sei pasti al giorno, calibrati e definiti studiando le caratteristiche fisiche del giocatore. Una dieta che – come raccontato anche dal Daily Mail – spesso provoca disagi ai giocatori… non al gallese, deciso a tutto pur di non mancare all'appuntamento più importante della stagione.

Stagione travagliata per gli infortuni.

A novembre scorso fu un infortunio alla caviglia a fermare l'esterno d'attacco dei blancos. Poco dopo il rientro, uno stiramento lo spedì di nuovo dietro le quinte. Da quando ha abbandonato il campo contro il Bayern Monaco – 12 aprile – Bale ha giocato solo in un'occasione: nel Clasico, quando è stato sostituito dopo 39 minuti a causa di un altro problema al polpaccio.

Il Real pensa a Mbappé al posto di Bale.

Una stagione travagliata, sfortunata e soprattutto a singhiozzo a causa degli infortuni muscolari che hanno limitato il potenziale di Bale e alimentato i dubbi del presidente, Perez, pronto a lasciar partire l'ex Spurs per portare a Madrid la stellina del calcio europeo, Mbappé.