Al Milan non sfugge il successo a San Siro contro il Cagliari. Una partita complicatissima con il Cagliari perfettamente messo in campo da Rastelli che imbriglia la voglia di vittoria dei rossoneri per quasi 90 minuti. Non è un caso se i sardi reggono l'urto milanista per tutto il primo tempo, scaldano per primi i guanti a Donnarumma con Barella e vanno anche a segno con Isla (in fuorigioco).

Nel secondo tempo ancora gli ospiti mettono apprensione soprattutto in contropiede ma è Montella a dare la carica ai suoi: lo 0-0 non accontenta il tecnico romano che finisce con 4 punte in  campo e trova il gol con Bacca all'87', che rompe il digiuno dopo 7 partite di digiuno, su assist del neo entrato Lapadula. Applausi per tutti: per il Milan che vince e per il Cagliari che prova il tutto per tutto fino al 95′.

Primo tempo: pochi lampi a San Siro.

Milan gestisce possesso e gioco – Il Milan parte in modo molto aggressivo. Per i rossoneri di Montella non c'è tempo da perdere e il Cagliari vale una vittoria necessaria per non perdere terreno rispetto alle prime posizioni. Hanno vinto tutte: dalla Roma all'Inter e per il Milan è doveroso rispondere con un successo davanti al proprio pubblico. Il Cagliari non appare insormontabile, anzi. E l'inizio del match è completamente di marca milanista.

Donnarumma, perfetto su Barella – Il Milan crea gioco, ha il possesso di palla e della gara ma non riesce a sfondare. Il Cagliari attende, per poter giocare di rimessa e nei primi 25 minuti lo fa alla perfezione. Intanto, Montella è costretto al primo cambio con Abate infortunato che esce da San Siro per dare spazio ad Antonelli. La gara stenta a decollare, a favore dei sardi, con Donnarumma che ha scaldato i guanti sul tiro di Barella alla mezz'ora.

Bacca impreciso, reti inviolate – Il primo tempo finisce senza sussulti: il Cagliari ha fatto il proprio, il Milan ha deluso in attacco soprattutto nella figura di Carlos Bacca che ha sprecato numerose occasioni mentre Niang ha difeso l'onore del reparto ma senza esiti importanti. Tanti i tiri in porta sarda (12 ma Rafael ha effettuato solamente una parata)

Secondo tempo: Bacca gol.

Subito botta e risposta – La ripresa vede il Cagliari maggiormente arrembante nei minuti iniziali con Farias che sfiora il colpaccio calciando poco sopra la traversa. Sardi che escono raramente dal guscio aspettando le occasioni giuste per agire in contropiede. La replica del Milan non si fa però attendere  con una invenzione di Suso che libera Niang in area cagliaritana con il francese che si divora la palla del vantaggio.

Isla in gol, annullato – Un secondo tempo più caldo ed emozionante con il Milan che spinge sull'acceleratore e il Cagliari sempre meno attendista che si fa coraggio sfruttando gli errori avversari. Come al 68′ quando sono i sardi a gelare San Siro con Isla che supera Donnarumma per l'1-0 degli isolani che però viene annullato per fuorigioco. Chiamata giusta ma con un ritardo di almeno tre secondi rispetto alla rete. Veementi le proteste del Milan che cerca in ogni modo di trovare un successo essenziale per la classifica.

Ritmi alti, forze fresche in campo – Il finale è scoppiettante con il Cagliari che inserisce anche l'ex Borriello in campo al posto di Sau. Ma è il Milan a fare forcing con il maggior tasso tecnico in campo malgrado l'uscita di Bonaventura a favore di Bertolacci per un centrocampo più di sostanza in supporto alle due punte Niang e Bacca. I ritmi altissimi portano a commettere errori in entrambi gli undici in campo: il Cagliari non cambia tattica, giocando in contropiede e di rimessa anche con l'inserimento di Joao Pedro al posto di uno stremato Farias.

Bacca risolve il match – Montella vuole a ogni costo il successo e prova il tutto per tutto nei minuti conclusivi: Niang, Bacca, Suso e Lapadula contemporaneamente in campo alla ricerca del gol. Il Cagliari ripiega su se stesso, in preda al forcing rossonero. Il Milan ci crede, San Siro si esalta, la pressione cresce, Lapadula va anche in gol (a gioco fermo). Alla fine la vittoria non sfugge: all'82' è Carlos Bacca ad essere decisivo e siglare la rete che vale tre punti pesantissimi e che salva i rossoneri da un pareggio che avrebbe allungato la classifica.

Vota l'articolo:
4.17 su 5.00 basato su 366 voti.
Aggiungi un commento!