Se siete amanti del calcio e seguite con lo stesso interesse il motociclismo, c'è una particolare disciplina sportiva che fa per voi. Lanciato negli anni venti, arriva infatti in Italia il "Motoball": folle incrocio fra calcio e motociclismo, nel quale i calciatori motociclisti si sfidano in una particolare partita di calcio in sella a delle moto da enduro. Dopo il successo ottenuto nei paesi dell’est europeo, Francia, Germania, Inghilterra e Olanda, il Motoball sbarca dunque nel nostro paese con un appuntamento imperdibile, fissato per il 18 settembre a Savigno (in provincia di Bologna), nel quale scenderanno in campo due squadre iscritte al campionato francese di Motoball. Nel primo pomeriggio i motociclisti sfileranno per le vie del paese, prima di entrare in campo per partita in chiave storica con moto ed abbigliamento d’epoca.

Come si gioca il Motoball.

Le due squadre, composte da quattro motociclisti ed un portiere (senza moto, ma con casco), giocano su un terreno in asfalto o terra battuta dalle dimensioni simili a quelle di un campo di calcio. Il match dura 80 minuti, suddiviso in 4 tempi da 20 minuti, e le moto devono avere cilindrata superiore ai 250 cc, non possono essere più lunghe di 2,20 metri, devono avere un peso compreso tra i 70 e i 120 kg a secco (sono ammesse anche le moto elettriche) e devono essere dotate di protezioni intorno alle ruote e al motore.

La palla è più grande del solito (40 cm di diametro) e pesa 1kg, mentre le due squadre hanno "in panchina" due meccanici pronti a intervernire in caso di danneggiamento a qualche moto in campo. Campione d'Europa in carica è la Russia, che nello scorso agosto ha battuto la Francia in finale e si è aggiudicata il titolo continentale per la 22esima volta.