La Sampdoria prima della sosta e soprattutto prima di un mese di fuoco. Massimiliano Allegri non vuole cali di tensione e vuole avvicinarsi alla doppia partita con il Barcellona di Champions League con la sua Juve ancora molto avanti alla Roma e al Napoli, le due solite inseguitrici, che per l’allenatore livornese possono ancora rifarsi sotto. Allegri teme cali di tensione e rispetta la Sampdoria, che grazie a una lunga serie utile è salita al nono posto

Contro la Sampdoria sarà difficile, non perdono da 7 turni. In questa partita c’è una grande percentuale del campionato, non è che siamo sicuri del primo posto, Roma e Napoli ci possono ancora superare. Non mi fido, perché possono ancora vincerle tutte. Ci manca ancora un totale di vittorie e se domani non affronteremo la partita con grande serietà e con responsabilità potremmo trovare i giallorossi a cinque punti. D’altronde il nostro obiettivo numero uno è il campionato, perché vincerne sei di fila è quasi impossibile.

Inevitabilmente in conferenza stampa si è parlato del Barcellona, che la Juve affronterà l’11 e il 19 aprile nei quarti di Champions League. Quella sfida è molto lontana e Allegri non vuole ancora concentrarsi su quell’affascinante confronto

Sarà una grande sfida con il Barcellona, ma parlarne adesso non ha senso. Mancano ancora quindici giorni. Ce la giocheremo, ma ci sono quattro gare prima. Il nostro obiettivo in Europa era arrivare tra le prime otto, ce l’abbiamo fatta. Poi si può arrivare in semifinale, in finale, uscire ai quarti, ma almeno ci siamo.

Nelle ultime sei partite la Juventus ha ottenuto cinque vittorie e un pareggio ed ha ottenuto questi risultati senza il contributo del ‘Pipita’, che in questo breve lasso di tempo ha realizzato solo un gol al Napoli in Coppa Italia. Allegri non si preoccupa perché Higuain è in forma e presto si sbloccherà: “Higuain? Non è stanco, non segna da qualche partita, ma è in buona condizione”. Contro la Sampdoria non ci sarà Chiellini, ancora non al top. Torna dall’inizio Barzagli, al suo fianco uno tra Bonucci e Rugani

Chiellini non sta ancora bene, non giocherà dall’inizia e cercheremo di recuperarlo per le prossime partite. Sicuramente ci sarà Barzagli, poi vediamo se toccherà a Rugani o Bonucci. Marchisio sta migliorando ed è a disposizione. Presto tornerà il vero Claudio.